Da San Zenone Po a Pavia

mercoledì, giugno 18

Tre giorni di silenzio. Scusatemi ma l’intensità del viaggio, e la mancanza di zone coperte da segnale ci hanno bloccato le comunicazioni.

Sono a Pavia, solo, ormeggiato alla Vogatori Pavesi. Abbiamo incontrato una città su un fiume limpido e vivo. Sono sul Ticino. La città sente, anche se non troppo, che c’è un fiume. Raro.
Due giorni fa abbiamo percorso 13 km da S. Zenone Po a ponte della Becca. paesaggi selvaggi, molto aperti. Le acque del po sono limpide sulla sponda destra (per noi che saliamo) e torbide, come al solito, su quella sinistra. Il Ticino non si mischia al Po per molti Km. Marco scalpita per vogare dopo la dormita da Silvana, che ci ospita gentilmente nella sua casa galleggiante dove si ritrovano gli amici e chi passa, alla foce dell’Olona.
Gigi e Marco, il giorno prima ancora, il 15, avevano generosamente lasciato in barca Alessandra e Luca che avevano ovviamente, beccato una delle giornate ventose più belle. loro ad aiutare danilo alla festa del Po a Soprarivo di Calendasco. Non tanto vento ma buono. Freddo come novembre. Fatti 23 Km con un passaggio pericolose e dietrofront su una rapida sassosa che bloccava un canale laterale. meno male che c’era ventone se no eravamo ancora lì.Peccato per Gigi e Marco. Ale e Luca fanno gli skippi e io mi riposo. Niente cibo.

Arriviamo a San Zenone Po, davanti ad Arena Po, nostra destinazione e Gigi e Marco ci organizzano una accoglieza favolosa. Grande lavoro, di solito non accade, siamo soli. Bene, bene. cena super e karaoke e chitarra fino a tardi. Dopo cena Ale, Gigi e Luca tornano ad Asti. A presto amici. Dormiamo nel salone di Silvana, sull’acqua. Super-shAGGY-smashing-cool!!! Al mattini Silvana dorme ancora nel suo casa-container e non partiamo senza salutarla. Grazie Silvana. A presto.

Torniamo al giorno 16. Con Marco grande veleggiata a fianco dei ragazzi ell’Arni che ci fanno anche le riprese che vedrete. Sono i nostri angeli custodi in qusto lungo tratto. Senza di loro non saremmo qui. La loro simpatia e generosità ci ha regalato bei momenti e chilometri altrimenti tramutati in attese di giorni.

Il GPS ha preso un onda assassina fatta da un motoscafo ed in quel momento era senza custodia impermeabile. Funziona male e per il momento non funziona. proprio.

A Pavia il 16 abbiamo dormito nella bellissima sede degli amici del Po, ospitati da Carlo. Camere belle e comode. Un gentile abitante di una casa sull’acqua, ci vede arrivare, ci adotta e ci porta a Pavia, ci guida a scoprire alcune bellezze della città (S. Michele, imperdibile romanico). carlo c offre la cena dal Cin, un signore di 80 anni in grande forma che lavora senza sosta e quando s ferma guarda rete 4. Non sorride mai e quando gli raccontiamo che stiamo risalendo da Venezia a Torino non reagisce e inizia a raccontarci che lui scendeva il Po con le casette a motore e che quelle erano imprese. poi dice che tutti quelli che abitano sul fiume non sono normali; naturalmente indica il nostro amico che entusiasta ci aiuta e ci racconta la sua città.
Al mattino del 17 cerchiamo di raggiungere con Marco Pavia, che dista 10 Km.
Iniziamo a percorrere, come indicato dai magniloquenti cartelli che illustrano la “greenway” che costeggia il Ticino, nel parco del Ticino, fino alla città, ma.. dopo 100 metri di odi al camminare, alla saggezza degli amministratori locali ci atroviamo nel nulla; il percorso si arresta e non c’è nulla. 100 metri su 10 Km. Peccato.

Ci buttiamo sulla statale. inciviltà delle macchine. Un tipo con una porsche ci punta.
Rumore bestiale. Autobus dove? Una ragazza ci indica ma non troviamo. Marco butta fuori il pollice e subito si ferma Massimiliano, il chitarrista hard rock vignaiolo, incontrato da Silvana. Grazie max! Bagawan ci ha voluto bene.

A Pavia un sacco di incontri. Marco mi lascia regalandomi un libro di Simenon. Mi ha aiutato molto ed abbiamo condiviso momenti di grande ricchezza. Un grande compagno di viaggio e di progetto. Gran parte delle parole che leggete e buonissima parte delle idee sono sue. Bella testa. Grazie Marco!

Ieri ho poi approfittato di un passaggio degli onnipresenti Alberto e Andrea per scendere i 7 km fino alla Becca, alla confluenza del Ticino con il Po. Pochi minuti..
Poi ho risalito da solo a remi e vela (poca) il Ticino per circa 3.5 Km. Molto bello. case galleggianti, anitre, pesci, nutrie. Giorgio Mussi, con il suo proa autocostruito con pezzi di bancali mi viene a prendere. Incontro emozionante per tutti e due. Condividiamo le stesse idee sulla vita e sul fiume. Giorgio ha un cantiere dove costruisce barche molto belle, minimali e di facile trasporto. Visitate il suo sito che metterò nei links domani o anche stasera. Incontro con Pavia dal Ticino.. straordinario..la cupola del Duomo, le torri, il ponte coperto..
Intervista con Lorenzo del Lunedì. Poi cena con Giogio e moglie e Vittorio.
Alla sera, tardi, arriva un mito vivente: Giorgio Bovina, vogatore dalle imprese impossibili. Occhi azzurri, fisico esplosivo, grande entusiasmo per i fiumi e la vita spartana. Mi racconta nella sede dei Vogatori Pavesi le sue imprese (discesa e risalita in solitaria su un “barcè” del Po ( sei giorni per scendere ed undici per risalire..pazzesco!!!), del Tanaro, dell’Adige da Merano al mare, dell’Isarco dell’Adda del Mincio etc etc. Cerco di acquisire più informazioni possibili sul tratto da qui a Casale Monf., tratto che si presenta molto duro, con rapide di I e forse, data la piena, di II grado. Troppo per noi. Vedremo.

Ci salutiamo all’una con la speranza di fare qualcosa insieme. Grande Bovina, mito vivente dei fiumi!
Dormo come un ghiro sul divano della sede dei Vogatori Pavesi. Il Ticino mi parla prima della notte. Non capisco tanto perchè sono stanco. Ma sono belle parole comunque, immagino.
Stamane sgotto qualche barcè per sdebitarmi un po’ della ospitalità poi qui, nella piazza della vittoria ad aggiornare il sito. domani si riparte alla volta di Rea e poi Mezzana Bigli. Il Piemonte si avvicina ma il Po diventa sempre più severo.

Vi abbraccio tutti g

Annunci

2 Risposte to “Da San Zenone Po a Pavia”

  1. federuco Says:

    Grazie per questo blog, molto interessante e ben fatto.

    Vi segnalo un altro blog utile a chi ha intenzione di mettersi in viaggio: http://worldsitetravellers.wordpress.com/

    Ciao

  2. unaltropo Says:

    Grazie Federico, o Federuco? u e i sono vicine,

    segalazione utilissima. Un abbraccio e seguici se hai voglia e tempo
    g


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: